Impresa serve Metodo

By | 17/04/2015

Impresa serve metodoImpresa serve Metodo !!

Ecco uno straordinario articolo del 2 aprile 2015 pubblicato su Italia Oggi.

Scritto da Giuseppe Ossoli un esperto di Imprese Italiane !!!!

Il dottor Ossoli non lo conosco e quindi non ho motivo di fargli pubblicità.

Ciò che scrive per un imprenditore o manager è illuminante.

Prenditi 3 minuti e leggi.

Attenzione impresa: serve Metodo!!!!!

Imprese serve metodo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se non riuscite a leggere l’ articolo, come me perché è troppo piccolo,

eccolo ricopiato integralmente:

 

Impresa serve Metodo

Per fare una buona impresa serve un buon metodo.

Per le Mpmi, e questo lo sottolineiamo perché il messaggio è soprattutto

per le microimprese, adottare un metodo significa l’applicazione di strategie

per meglio strutturare l’impresa e le sue persone.

Il metodo della buona impresa significa presentare al meglio la propria azienda,

fare innovazione finanziaria, conoscere la Csr – Responsabilità sociale d’impresa,

affrontare i processi di internazionalizzazione, apprezzare i contratti di rete,

imparare la comunicazione, i social network e il marketing, applicare il welfare aziendale.

Adottare una strategia d’impresa diventa necessariamente un merito etico, come impresa

e come azione politica e gestione del bene comune.

Infatti, essendo le piccole e medie imprese straordinariamente diffuse e permeate nel

nostro sistema sociale, esse hanno una funzione centrale, e per questo devono esserne

consce, portate a scoprirsi come tali.

Dal loro successo o insuccesso dipende quasi tutto ciò che nella nostra società

c’è di importante e i loro professionisti devono operare senza indugio per far loro

scoprire questo importante valore intangibile, espressione vitale per l’impresa e

per il suo territorio.

Il compito è importante, sia per il consulente sia per l’imprenditore: scoprirsi attori

di primo piano di questa società significa esserne partecipi e responsabili.

Attualmente, nell’ambito della strategia, queste imprese hanno il maggior deficit

di non conoscenza: il classico ceto medio imprenditoriale, che porta gran parte

del peso non solo economico, ma anche socio-politico del nostro paese,

non applica le moderne strategie di management.

Il problema è che se una grande azienda commette errori strategici dispone

di un supporto sufficiente per correggerli, mentre per un impresa medio-piccola,

calcoli strategici errati sono spesso la fine.

Il successo della piccola impresa, essendo così di base per la nostra economia,

è quindi fondamentale per la coesione sociale. Capire i modelli di successo e

applicarli creativamente alla propria realtà aziendale è il compito preciso del

nuovo imprenditore, colui che crea il futuro della sua famiglia e della sua comunità.

Darsi un metodo permette di fare imprese facendoci ricordare il bene comune:

tornare a dare centralità alla dignità di ogni persona.

Avere per meta il bene comune è il compito fondamentale che ogni imprenditore

deve affrontare per costruire il futuro della società civile.

Il metodo diventa un generatore di valore aggiunto, dove non occorrono cose eccezionali,

ma semplicità e sistematicità; la metodologia strategica assume la sua massima

espressione nel contesto del fare impresa e dell’essere imprenditore in un nuovo

ordine economico, dove l’uomo è al centro dell’economia e dove essa non si deve più e solo

misurare secondo il massimo del profitto, ma in base al bene comune di tutti,

nel rispetto del ruolo e della dignità dell’uomo, essenza questa della vera cultura delle

imprese dei nostri territori, luoghi comuni proiettati nel futuro, in una vita in cui

non esistono solo eventi positivi o negativi, bensì condizioni vere per nuove azioni.

Condizioni in cui scatenare l’innovazione, dove osare e dove più nessuno sia

impreparato, temendo anche le piccolezze, come ancora molto bene ci ricorda Seneca.

A questo punto è inevitabile conferire alla centralità d’impresa il primato per i

bisogni sociali della nostra comunità e per far questo, l’impresa deve avere metodo,

rivalutando la piena centralità dell’impresa e delle persone che la fanno.

Tale affermazione, che appare focale in un momento in cui la competizione

sempre più accesa sui mercati globali esige sviluppo tecnologico, innovazione,

politiche di internazionalizzazione, diversificazione produttiva, non è più la sola

prerogativa per andare oltre alla crisi delle nostre imprese.

Il tema dello sviluppo delle imprese, dei processi di capitalizzazione e della

crescita di cultura del fare vera impresa, sono oggi temi sentiti e irrinunciabili

sia per gli imprenditori che, soprattutto, per i consulenti.

Da ciò deriva la necessità di nuovi e maggiore investimenti che fanno emergere

il problema primario della crescita dimensionale delle imprese e della necessità

di programmare meglio la propria struttura operativa, gestionale e finanziaria.

Non è più tempo di mancanza di programmazione e anche le più piccole

imprese devono ampliare le loro dimensioni aziendali, rafforzare l’assetto finanziario,

accrescere il valore aggiunto e migliorare gli standard di qualità dei prodotti,

oltre che aggregare le singole risorse e attitudini attraverso contratti di rete

nelle filiere produttive di territorio, consapevoli dell’esigenza di acquisire

più innovazione e più competitività.

Questa nuova qualità per le imprese è una priorità assolutamente necessaria

che, oggi, ancora non trova una effettiva corrispondenza né in una vera

cultura finanziaria, né in una moderna conformazione del nostro sistema finanziario.

Non sarà possibile raggiungere obiettivi di crescita se la consulenza stessa non tenterà

di migliorare la propria offerta, ponendo maggiore cura allo studio e alla crescita professionale.

Questo è l’obiettivo per cui ci si deve impegnare: crescita professionale per supportare la crescita economica.

 

Impresa serve Metodo.

Credo che a questo capolavoro NON ci sia altro da aggiungere !

 

 

L’ amore vince sempre

Roberto Bonazzi

 

P.S. se questo articolo credi che sia utile condividilo con altri imprenditori.

P.S.2 se in ciò che hai letto “senti” che ci sia “del buono” ma non sai come realizzarlo! Scrivimi.

P.S.3 la nostra “eccellenza” è aiutarti in questa svolta!

P.S.4 se pensi che sia un matto ti comprendo, ma è meglio che continui a seguire questo blog. Potresti scoprire che il matto non sono io.

P.S.5 fai qualcosa di buono per la mia autostima: lascia un commento qui sotto 🙂

2 thoughts on “Impresa serve Metodo

  1. Robert Tamburini

    L’articolo di Ossoli riunisce tutti i concetti fondamentali a cui devono ispirarsi le micro e PMI.
    Ritengo che debba essere visto come il manifesto del nuovo illumunismo del mondo economico-produttivo.
    Nella mia piccola esperienza personale, posso dire che i giovani imprenditori che ho conosciuto vivono la loro attività con una cultura aziendale che fa ben sperare.
    Come in tutti i processi di evoluzione culturale il percorso sarà lungo ma è l’unico percorribile, e porterà, per induzione, benefici non solo alle aziende ma a tutta la società.

    Roberto Tamburini

    Reply
    1. metodopiuvendite Post author

      Proprio così Roberto, l’ articolo è un distillato di ciò che dovrebbero fare tutti gli imprenditori per prosperare.
      Ma pochi sono arrivati a leggere tutto l’ articolo e soprattutto questi commenti: solo gli illuminati.:-)
      Quindi complimenti a te per averlo fatto e per aver dato qui un tuo contributo.
      Grazie e buon lavoro Ro

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.